Industria Macchine Utensili

Chinese (Simplified)EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish

Torni CNC A BANCO PIANO CON AUTOAPPRENDIMENTO

SCHEDA TECNICA CNA


CNA 300



CNA 400

SCHEDA TECNICA SNC


SNC 600

SNC 700

SNC 700

Il tornio parallelo a banco piano, a controllo numerico, della serie CNA e SNC è il risultato di un riuscito compromesso che abbina la semplicità d’uso di un tornio parallelo tradizionale alla potenzialità di uno a controllo numerico. Esso rappresenta, pertanto, la macchina ideale per l’utilizzatore che deve coniugare le esigenze produttive sia del pezzo singolo che della piccola e media serie, nonché l’impiego di operatori non avvezzi all’uso del linguaggio di programmazione per controlli numerici. I torni cnc possono essere, infatti, utilizzati in quattro distinti modi:

  • tradizionale, mediante l’uso dei volantini per gli assi X e Z;
  • autoapprendimento, componendo il ciclo di lavoro, sulla base del disegno del pezzo, mediante un programma guidato, a video, che sfrutta i cicli prestabiliti (sgrossatura, finitura, tornitura conica, filettatura, ecc.). anche in questo caso si ottiene, automaticamente, un programma ripetibile per quanto necessario;
  • CNC, mediante programmazione ISO come uno specifico tornio a controllo numerico.

Per lo sfruttamento delle prestazioni, quale tornio a controllo numerico, la macchina può essere dotata, a richiesta, di dispositivi automatici come:

  • torrette con cambio utensili
  • autocentrante a comando oleodinamico
  • evacuatore trucioli

DESCRIZIONE TECNICA

  1. BASAMENTO (MONOLITICO per SNC, gambe e bancale per CNA)
  • Gambe realizzate mediante fusione di ghisa.
  • Il bancale, in ghisa MEEHANITE, dispone di 4 guide, temprate ad induzione e rettificate; le due esterne protette, sono utilizzate per lo scorrimento del carro, le due interne per contropunta / lunetta.
  1. 2. TESTA
  • Corpo realizzato in ghisa, con elevate caratteristiche di rigidità e smorzamento delle vibrazioni.
  • Mandrino in acciaio speciale, trattato termicamente, rettificato e montato su cuscinetti a rulli conici di precisione.
  • Motore mandrino in c.c. raffreddato ad aria.
  • Cambio di velocità, con due gamme selezionabili in ciclo.
  1. 3. CARRI
  • I carri, longitudinale (asse Z) e trasversale (asse X) sono realizzati in ghisa, con guide temperate ad induzione e rettificate. Le controguide sono ricoperte con materiale antifrizione.
  • La movimentazione dei carri è assicurata da servomotori in c.c. accoppiati a viti a ricircolo di sfere, rettificate e con chiocciola precaricata. (D.P.>5000mm. movimentazione a ½ doppio pignone e cremagliera con sistema motori master & slave).
  1. 4. CONTROPUNTA
  • Corpo in ghisa.
  • Avanzamento canotto, traslazione e bloccaggio, in posizione, manuale.
  1. 5. LUNETTA
  • Lunetta fissa manuale, sia per il comando dei canotti che la traslazione ed il bloccaggio in posizione lungo il bancale.
  1. 6. LUBRIFICAZIONE
  • Impianto di lubrificazione a perdita per guide e viti a ricircolo di sfere, con centralina automatica e dosatori volumetrici.
  • Lubrificazione dei cinematismi della testa mediante ricircolo d’olio con elettropompa.
  1. 7. VASCA RACCOLTA TRUCIOLI
  • Alla base della macchina è disposta una vasca estraibile, per la raccolta dei trucioli e dell’acqua di refrigerazione che, decantata, viene posta in ricircolo da un’apposita pompa.
  1. 8. APPARECCHIATURA ELETTRICA
  • L’armadio di controllo e tutto il cablaggio a bordo macchina sono realizzati con componenti di primaria marca e secondo le vigenti normative previste nell’ambito CE.
  • Controllo numerico di elevate prestazioni e di primaria marca internazionale.
  • Pulsantiera di controllo di e programmazione, volantini elettronici e video a colori montati sul portellone anteriore scorrevole, per un corretto posizionamento da parte dell’operatore.
  1. 9. CARTERATURE
  • Per garantire i necessari requisiti di sicurezza e limitare la fuoriuscita di trucioli o liquido refrigerante, la macchina è dotata di una carteratura fissa posteriore e di due portelloni scorrevoli anteriori.
  • Il portellone, dotato dei comandi, dispone di un’ampia finestra realizzata con due lastre: una interna in vetro temperato antigraffio, facilmente pulibile e sostituibile; l’altra esterna, in policarbonato, opportunamente dimensionata per resistere ad eventuale proiezione di parti metalliche.
  • La zona di lavoro è adeguatamente illuminata.

10. CENTRALE OLEODINAMICA (Opzione)

  • Realizzata con pompa, accessori e valvole modulari di primarie marche, consente il comando degli attuatori oleodinamici a bordo macchina: autocentrante, canotto contropunta, lunetta, freno.

11. ISTRUZIONI PER L’USO – INSTALLAZIONE – MESSA IN FUNZIONE – ASSISTENZA

  • Il Cliente è seguito dai nostri tecnici, con competenza e disponibilità, in tutte le fasi citate.